Agevolazioni per sostenere la Ricerca e Sviluppo delle Piccole e Medie Imprese

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha pubblicato il decreto relativo al nuovo bando del Fondo Crescita Sostenibile finanziati dal PON Imprese e Competitività 2014-2020, rivolto alle Regioni in Ritardo di Sviluppo: Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia e alle Regioni in Transizione: Abruzzo, Molise e Sardegna  per  progetti strategici in materia di Tecnologie avanzate.

OBIETTIVO

Sostenere la competitività delle Piccole e Medie Imprese attraverso la realizzazione di progetti strategici di Ricerca e Sviluppo. 

TECNOLOGIE DI INTERVENTO AMMISSIBILI ALLE AGEVOLAZIONI

A. TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE E DELL’INFORMAZIONE
  • Tecnologie connesse a una nuova generazione di componenti e sistemi (ingegneria dei
    componenti e sistemi integrati avanzati e intelligenti)
  • Tecnologie connesse all’elaborazione di prossima generazione (sistemi e tecnologie
    informatiche avanzate)
  • Tecnologie connesse con l’internet del futuro relative a infrastrutture, tecnologie e servizi
  • Tecnologie di contenuto e gestione dell’informazione (TIC per i contenuti e la creatività
    digitali)
  • Interfacce avanzate e robot (robotica e locali intelligenti)
  • Tecnologie relative alla microelettronica, alla nanoelettronica e alla fotonica.
B. NANOTECNOLOGIE
  • Nanomateriali, nanodispositivi e nanosistemi di prossima generazione
  • Strumenti e piattaforme scientifici convalidati per la valutazione e gestione dei rischi lungo
    tutto il ciclo di vita dei nanomateriali e dei nanosistemi
  • Sviluppo della dimensione sociale delle nanotecnologie
  • Sintesi e fabbricazione efficaci dei nanomateriali, dei loro componenti e dei loro sistemi
  • Tecnologie di supporto per lo sviluppo e l’immissione sul mercato di nanomateriali e
    nanosistemi complessi
C. MATERIALI AVANZATI
  • Tecnologie connesse ai materiali funzionali, multifunzionali e strutturali
  • Sviluppo e trasformazione dei materiali
  • Tecnologie di gestione dei componenti dei materiali
  • Tecnologie connesse ai materiali per un’industria sostenibile
  • Tecnologie connesse ai materiali per le industrie creative
  • Metrologia, caratterizzazione, normalizzazione e controllo di qualità
  • Tecnologie connesse all’ottimizzazione dell’impiego di materiali
D. BIOTECNOLOGIE
  • Biotecnologie d’avanguardia (ad esempio: la biologia sintetica, la bioinformatica e la
    biologia dei sistemi)
  • Tecnologie connesse a processi industriali basati sulla biotecnologia
  • Tecnologie di piattaforma innovative e competitive
D. FABBRICAZIONE E TRASFORMAZIONE AVANZATE
  • Tecnologie per le fabbriche del futuro
  • Tecnologie per edifici efficienti sul piano energetico
  • Tecnologie sostenibili e a basse emissioni di carbonio in processi industriali a elevata
    intensità energetica
  • trasformazione ad elevata intensità energetica (ad esempio: l’industria chimica, della
    cellulosa e della carta, del vetro, dei metalli non ferrosi e dell’acciaio)
E. SPAZIO
  • Tecnologie spaziali in grado di favorire la competitività europea, la non dipendenza e l’innovazione del settore spaziale e tecnologie connesse all’innovazione di terra con base spaziale, come ad esempio l’utilizzo dei sistemi di telerilevamento e dei dati di navigazione
  • Tecnologie spaziali avanzate e concetti operativi dall’idea alla dimostrazione nello spazio
  • Tecnologie in grado di favorire l’utilizzo dei dati spaziali, inerenti al trattamento, alla convalida e alla standardizzazione dei dati provenienti dai satelliti

DOTAZIONE FINANZIARIA

  • 150 Milioni di Euro per progetti di Ricerca e Sviluppo realizzati nelle regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia;
  • 30 Milioni di Euro per progetti di Ricerca e Sviluppo realizzati nelle regioni Abruzzo, Molise e Sardegna.

Il 60% delle risorse è riservato a progetti presentati da PMI e da reti di impresa.

SOGGETTI BENEFICIARI

  1. Imprese  che esercitano un’attività industriale diretta alla produzione di beni o di servizi;
  2. Imprese  che esercitano un’attività di trasporto per terra, per acqua o per aria;
  3. Imprese agro-industriali che svolgono prevalentemente attività industriale;
  4. Imprese che esercitano altre attività ausiliarie delle precedenti;
  5. Centri di ricerca con personalità giuridica;
  6. Liberi professionisti; (solo in progetti presentati congiuntamente con imprese o centri di ricerca);
  7. Spin-off (solo in progetti presentati congiuntamente con imprese o centri di ricerca).

Si possono presentare progetti congiunti fino ad un massimo di tre soggetti co-proponenti. I progetti presentati da più proponenti devono essere realizzati attraverso il contratto di rete   o altre forme di collaborazione (consorzio, accordo di partenariato ecc)

PROGETTI AMMISSIBILI

i progetti ammissibili alle agevolazioni devono prevedere la realizzazione, nelle regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia e nelle regioni a transizione Abruzzo, Molise e Sardegna. di attività di Ricerca Industriale e Sviluppo Sperimentale finalizzate alla realizzazione di nuovi prodotti, processi o servizi o al notevole miglioramento di prodotti, processi o servizi esistenti.

I progetti, inoltre, devono:

  • prevedere spese e costi ammissibili non inferiori a euro 800.000,00 e non superiori a 5 milioni di euro;
  • essere avviati successivamente alla presentazione della domanda di agevolazioni e non oltre tre mesi dopo la concessione dell’agevolazione;
  • avere una durata non inferiore a 18 mesi e non superiore a 36 mesi;
  • nel caso di più soggetti proponenti, ciascun soggetto deve sostenere almeno il 10% dei costi complessivi ammissibili
  • i progetti presentati in forma congiunta possono essere realizzati, fino alla soglia massima del 35% delle spese ammissibili, in una regione non compresa tra le Regioni a ritardo di Sviluppo e Regioni in Transizione.

SPESE AMMISSIBILI

  • personale dipendente del soggetto proponente, (tecnici, ricercatori ed altro personale ausiliario) impiegato nelle attività di ricerca e di sviluppo oggetto del progetto;
  • strumenti e le attrezzature di nuova fabbricazione utilizzati per il progetto di R&S;
  • servizi di consulenza e altri servizi utilizzati per l’attività del progetto di ricerca e sviluppo, comprese acquisizione o ottenimento in licenza dei risultati di ricerca, dei brevetti e del know-how;
  • spese generali nella misura massima del 25% dei costi diretti ammissibili del progetto;
  • materiali utilizzati per lo svolgimento del progetto

AGEVOLAZIONI

Le agevolazioni sono concesse nella forma del finanziamento agevolato, pari al 20 per cento dei costi e delle spese ammissibili e nella forma del contributo diretto che prevede :

  • per i costi e le spese relative alle attività di ricerca industriale:
    • 60% per le imprese di piccola dimensione;
    • 50 % per le imprese di media dimensione;
    • 40 % per le imprese di grande dimensione;
  • per i costi e le spese relative alle attività di sviluppo sperimentale:
    • 35% per le imprese di piccola dimensione;
    • 25% per le imprese di media dimensione;
    • 15% per le imprese di grande dimensione.
    • 22% per gli Organismi di Ricerca

Le agevolazioni concesse attraverso il contributo diretto possono essere aumentate di 10 punti percentuali qualora il progetto sia realizzato in forma congiunta tra più imprese, di cui almeno una sia una PMI e che ciascuno dei soggetti proponenti non sostenga, da solo, più del 70% delle spese ammissibili;

E’ inoltre prevista una maggiorazione del contributo pari al 5%, nel caso il progetto sia concluso entro il 31 Dicembre 2018.

PROCEDURE DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI AGEVOLAZIONE

I termini di apertura e le modalità di presentazione delle domande saranno definiti con successivo provvedimento.

Il bando prevede una procedura valutativa a sportello fino a esaurimento delle risorse disponibili.

INFORMAZIONI E APPROFONDIMENTI

Gioja& Associati SAS

tel 0804059327

info@giojaeassociati.it