INNONETWORK – Il Bando a sostegno delle attività di Ricerca e Sviluppo

INNONETWORK è il bando della REGIONE PUGLIA , di prossima pubblicazione,  a sostegno delle attività di Ricerca e Sviluppo delle imprese e degli Organismi di ricerca pugliesi.

La misura si inserisce in una strategia di governance del  patrimonio di conoscenza, creatività, innovazione,tradizione, valori, scienza e ricerca che caratterizza il sistema imprenditoriale regionale.

OBIETTIVI

  1. Promuovere la creazione di partnership pubblico-private impegnate a sviluppare filiere tecnologiche integrate, con concrete potenzialità di sviluppo sui mercati internazionali;
  2. Incentivare, attraverso le partnership, la formazione di nuovi ricercatori industriali, anche attraverso la sperimentazione di progetti di Alto Apprendistato di formazione e ricerca.

SOGGETTI BENEFICIARI

  • IMPRESE (Micro, Piccole, Medie e Grandi)
  • ORGANISMI DI RICERCA
    • I soggetti beneficiari devono essere organizzati in rete, attraverso una delle seguenti forme:
      ⇒ Associazioni temporanee di scopo;
      ⇒ Contratti di Rete;
      ⇒ Consorzi e società consortili

SUDDIVISIONE DELLE SPESE

  • Imprese: devono sostenere spese per un valore complessivo compreso tra un minimo del
    70% fino ad un massimo del 90% dei costi totali ammissibili del progetto;
  •  Organismi di Ricerca: devono sostenere spese per un valore complessivo compreso tra un
    minimo del 10% fino ad un massimo del 30% dei costi totali ammissibili del progetto;
  • Ciascun soggetto aderente dovrà sostenere almeno il 10% del costo progettuale. Ogni impresa
    non potrà da solo sostenere più del 50% del costo del progetto.
  • Gli organismi di ricerca hanno il diritto di pubblicare i risultati dei progetti di ricerca nella misura
    in cui derivino da ricerche da esso svolte

INTENSITA’ DI AIUTO

L’intensità di aiuto, calcolata sulla base dei costi ammissibili, e prevedendo la collaborazione con un organismo di ricerca che sostenga almeno il 10% delle spese ammissibili, (con il diritto di pubblicare i risultati della ricerca) è pari alle seguenti percentuali:

MICRO E PICCOLE IMPRESE MEDIE IMPRESE GRANDI IMPRESE
ATTIVITA’ DI RICERCA INDUSTRIALE   

80%

 

75%

 

65%

ATTIVITA’ DI RICERCA SPERIMENTALE 60% 50% 40%

Il costo minimo per singolo progetto è € 300.000,00

Il massimo contributo erogabile (per singolo progetto) è pari a € 1.500.000,00

E’ ammissibile l’agevolazione per i costi connessi all’ottenimento di brevetti e/o altri diritti di proprietà industriale fino a un massimo di € 100.000,00 a progetto ammesso a finanziamento.

SPESE AMMISSIBILI

  • Spese di personale dipendente addetto al coordinamento e alla gestione amministrativa del progetto (project
    management); le spese di project managment non possono superare il 10% del totale dei costi ammissibili per ciascun partner;
  • spese di personale (ricercatori, tecnici e altro personale ausiliario nella misura in cui sono impiegati nel progetto di ricerca), a condizione che lo stesso sia operante nelle unita locali ubicate nella regione;
  • spese per strumentazione ed attrezzature, di nuovo acquisto, utilizzate per la realizzazione delle attività previste dal
    progetto;
  • spese di “ricerca a contratto” acquisita contrattualmente da terzi (Università, Centri e Laboratori di ricerca pubblici, Centri e Laboratori di ricerca privati, quest’ultimi se iscritti all’Albo dei Laboratori del MIUR), tramite una transazione effettuata alle normali condizioni di mercato che non comporti elementi di collusione;
  • spese relative allo sviluppo e registrazione di brevetti o altri diritti di proprietà intellettuale generati dal progetto;
  • spese per servizi di consulenza specialistica o altri servizi equivalenti, incluso l’addestramento del personale;
  • altri costi d’esercizio, inclusi costi dei materiali, delle forniture e di prodotti analoghi, direttamente imputabili al progetto;
  • spese generali.

REQUISITI

Ciascun raggruppamento, qualsiasi sia la forma giuridica prescelta, deve essere formato da un minimo di due soggetti di cui un’impresa e un organismo di ricerca. 

Il ruolo di CAPOFILA deve essere ricoperto da un’impresa.

TIPOLOGIE DI INIZIATIVE AMMISSIBILI

Le tipologie di intervento finanziabili sono due

  1. Ricerca Industriale (RI)
  2. Sviluppo sperimentale (SS)

Non sono ammissibili le modifiche di routine o le modifiche periodiche apportate a prodotti, linee di produzione, processi di fabbricazione, servizi esistenti e altre operazioni in corso, anche quando tali modifiche rappresentino miglioramenti.
Per le aziende del tessile abbigliamento, del legno e della moda possono essere ricondotte alle
due linee di intervento che precedono la fase realizzativa del campionario o della collezione:

  1. Ricerca e ideazione estetica (RI)
  2.  Prototipazione (SS)

TECNOLOGIE ABILITANTI

I singoli progetti devono essere focalizzati su una delle seguenti tecnologie abilitanti (o altra non ancora censita in Puglia):

Tecnologie Chiave Abilitanti ovvero Key Enabling Technologies (KETs) :

  1. Micro e Nanoelettronica;
  2. Nanotecnologie;
  3. Biotecnologie;
  4. Materiali avanzati;
  5. Produzione e trasformazione avanzate

L’iniziativa progettuale dovrà, comunque, rispondere a una delle seguenti sfide sociali:

  1. Città e territori sostenibili;
  2. Salute, benessere e dinamiche socio-culturali;
  3. Energia sostenibile;
  4. Industria creativa (e sviluppo culturale)
  5. Sicurezza alimentare e agricoltura sostenibile

SPESE SOSTENIBILI

  • Spese di personale dipendente addetto al coordinamento e gestione amministrativa del progetto
    (project management) (max 10% del costo);
  • Spese di personale (ricercatori, tecnici e altro personale ausiliario nella misura in cui sono
    impiegati nel progetto di ricerca), a condizione che lo stesso sia operante nelle unita locali ubicate
    nella regione;
  • Spese per strumentazione ed attrezzature, di nuovo acquisto, utilizzate per la realizzazione delle
    attività previste dal progetto;
  • Spese di “ricerca a contratto” acquisita contrattualmente da terzi;
  • Spese relative allo sviluppo e registrazione di brevetti o altri diritti di proprietà intellettuale
    generati dal progetto;
  • Spese per servizi di consulenza specialistica o altri servizi equivalenti, incluso l’addestramento del
    personale;
  • Altri costi d’esercizio, inclusi i costi dei materiali, delle forniture e di prodotti analoghi,
    direttamente imputabili al progetto;
  • Spese generali (max 15% delle spese di personale).

RISORSE DISPONIBILI E INTENSITÀ’ DI AIUTO

Le risorse finanziarie complessive previste sono pari a Euro 30.000.000,00, di cui:

  • € 22.500.000 per le Ket già censite
  • € 7.500.000 per le Ket non ancora censite

Gli aiuti sono erogati in forma di contributi in conto impianti.

INTENSITA’ DI AIUTO 
Per le IMPRESE:

  • per attività di ricerca industriale:
    • 80% per le micro e piccole imprese;
    • 75% per le medie imprese;
    • 65% per le grandi imprese;
  • per attività di sviluppo sperimentale:
    • 60% per le micro e piccole imprese;
    • 50% per le medie imprese;
    • 40% per le grandi imprese

Per gli Organismi di ricerca l’intensità d’aiuto è pari a quella massima applicabile tra le imprese partecipanti al Raggruppamento per ciascuna linea di intervento;
 Il costo minimo per singolo progetto candidato è di 300.000,00 euro (trecentomila)
 Il contributo massimo erogabile per singolo progetto è pari a 1.500.000,00 euro (unmilionecinquecentomila).

DURATA DEI PROGETTI

Le attività ammesse a finanziamento dovranno concludersi entro i 18 (diciotto) mesi dalla data di comunicazione di ammissione al beneficio. Può essere concessa una proroga di durata massima pari a 6 mesi.

TERMINI E MODALITA’ DI PRESENTAZIONE

Le domande di agevolazione devono essere inoltrate, pena l’esclusione, unicamente in via telematica attraverso la procedura on line disponibile sul portale www.sistema.puglia.it alla sezione “INNONETWORK”, a partire

dalle ore 12:00 del 10 febbraio 2017 sino alle ore 14:00 del 10 marzo 2017.

Scaduto il termine il sistema non consente più l’accesso alla procedura telematica e ad eventuali modifiche e integrazioni.

Al termine della compilazione telematica viene generato un modulo di “Istanza di candidatura di ammissione al beneficio” che deve essere firmato digitalmente dal Legal Rappresentante del soggetto capofila richiedente; fanno fede data e ora riportate sulla ricevuta di trasmissione generata dalla procedura telematica.

La valutazione tecnico-economia e finanziaria delle istanze sarà espletata da INNOVA PUGLIA, rispettando l’ordine cronologico di invio delle domande.

INFORMAZIONI E APPROFONDIMENTI

Gioja& Associati SAS

tel 0804059327

info@giojaeassociati.it